Lorenzo e il suo “SAFARI”

jova_img.jpg

Questo è un album che si avvale di grandissime collaborazioni,soltanto
nel primo singolo possiamo apprezzare il suono della chitarra suonata
da Ben Harper amico di lunga data con
Jovanotti. La canzone è una dolce ballata dal testo abbastanza forte
che riesce a farti immedesimare nelle parole invece parlando del video
Jovanotti ha voluto girare due versioni per questa canzone che vogliono
rappresentare un’omaggio al cinema di grandi maestri come terence malick e werner herzog.

Da un articolo tratto da Kataweb Musica Jovanotti racconta il nuovo album Safari:

JovanottiSafari,
il nuovo album di Lorenzo Cherubini, arriverà nei negozi il prossimo 18
gennaio. Il cantante, nel frattempo, si racconta alla carta stampata.
Il settimanale Vanity Fair analizza l’uomo: la morte del fratello,
pilota, avvenuta lo scorso ottobre a causa di un incidente aereo; la
storia d’amore con Francesca, la compagna al suo fianco da quindici
anni; le persone che gli hanno cambiato la vita: “La prof d’italiano
del liceo mi ha innescato una passione – racconta Jova – Facevamo
teatro futurista”. Il tutto è corredato da fotografie splendide
scattate in prossimità del famoso Hotel Chelsea di New York.

XL, il mensile de La Repubblica, pubblica alcune pagine di Safari Jam,
il libro-diario scritto e disegnato da Lorenzo nel corso del 2007 e
disponibile solo per mille fan del sito soleluna.com. In più
l’intervista in cui si parla della nascita del nuovo album. Tutto è
partito da un viaggio in Amazzonia: “E’ stata un’esperienza molto forte
– dice lui – Andavo in giro con un iPod, un registratorino minuscolo e
un quaderno. Sono tornato con una quarantina di idee”. Sul sito di XL,
xl.repubblica.it, c’è inoltre uno speciale in cui Lorenzo continua il
racconto delle nuove canzoni di Safari e delle collaborazioni presenti
nell’album, come quella con Giuliano Sangiorgi dei Negramaro. “Secondo
me è un autore pazzesco – dice Jovanotti a proposito del cantante
salentino – ha il dono della melodia, della composizione, scrive dieci
canzoni al giorno, è incredibile”. (p.pisa)

Di seguito i due videoclip gia’ pubblicati su YouTube e il testo completo del singolo "FANGO" :

Jovanotti "FANGO" – Video 1

{playerflv}/articoli/jovanotti-safari/video1.flv|320|240|#000000|false{/playerflv}  

Jovanotti "FANGO" – Video 2

{playerflv}/articoli/jovanotti-safari/video2.flv|320|240|#000000|false{/playerflv}

 

Il testo della canzone:

Io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo

sotto un cielo di stelle e di satelliti
tra i colpevoli le vittime e i superstiti
un cane abbaia alla luna
un uomo guarda la sua mano
sembra quella di suo padre
quando da bambino
lo prendeva come niente e lo sollevava su
era bello il panorama visto dall’alto
si gettava sulle cose prima del pensiero
la sua mano era piccina ma afferrava il mondo intero
ora la città è un film straniero senza sottotitoli
le scale da salire sono scivoli, scivoli, scivoli
il ghiaccio sulle cose
la tele dice che le strade son pericolose
ma l’unico pericolo che sento veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente
il profumo dei fiori l’odore della città
il suono dei motorini il sapore della pizza
le lacrime di una mamma le idee di uno studente
gli incroci possibili in una piazza
di stare con le antenne alzate verso il cielo
io lo so che non sono solo

io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango

la città un film straniero senza sottotitoli
una pentola che cuoce pezzi di dialoghi
come stai quanto costa che ore sono
che succede che si dice chi ci crede
e allora ci si vede
ci si sente soli dalla parte del bersaglio
e diventi un appestato quando fai uno sbaglio
un cartello di sei metri dice tutto è intorno a te
ma ti guardi intorno e invece non c’è niente
un mondo vecchio che sta insieme solo grazie a quelli che
hanno ancora il coraggio di innamorarsi
e una musica che pompa sangue nelle vene
e che fa venire voglia di svegliarsi e di alzarsi
smettere di lamentarsi
che l’unico pericolo che senti veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente
di non riuscire più a sentire niente
il battito di un cuore dentro al petto
la passione che fa crescere un progetto
l’appetito la sete l’evoluzione in atto
l’energia che si scatena in un contatto

io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che nn sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango

e mi fondo con il cielo e con il fango

e mi fondo con il cielo e con il fango