Il mito Stephen King

king2

La storia di

stephenking

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera. ATTENZIONE ! Tutti i Link portano agli articoli diretti su Wikipedia e pertanto non sono stati controllati da AmNeSyS.org

Stephen Edwin King (Portland, 21 settembre 1947) è uno scrittore statunitense, probabilmente il più famoso autore di romanzi horror.

Biografia

La casa di Stephen King a Bangor, nel Maine.
MEBANstephenking_daveh.jpg

La casa di Stephen King a Bangor, nel Maine

Stephen King è figlio di un impiegato della Electrolux, ex capitano della Marina Mercantile, e di una casalinga di origini modeste.
Un pomeriggio suo padre esce di casa "per una passeggiata" e non fa più ritorno: un evento che segnò profondamente il carattere del futuro scrittore.
La famiglia comincia così a spostarsi da un luogo ad un altro: la signora Nellie Ruth King, con il proprio lavoro, riesce comunque ad assicurare ai due figli una buona educazione, guidandoli all’ascolto di buona musica ed alla letteratura.

Stephen comincia quindi presto a leggere da solo tutto ciò che trova. A dieci anni scopre il genere horror, dopo aver visto un film sugli extraterrestri. Due anni dopo, rinviene nella soffitta della zia i libri del padre, appassionato di Edgar Allan Poe, H.P. Lovecraft e Richard Matheson.

Nel 1962 frequenta la Lisbon High School, a Lisbon Falls. Probabilmente in questi anni nasce l’idea di divenire scrittore. King invia i suoi racconti a svariati editori, senza però riscuotere successo.

Conclusi gli studi superiori, entra all’Università del Maine ad Orono. Nel 1967 riesce finalmente a pubblicare, su una rivista, il racconto The Glass Floor e, qualche mese dopo, segue il romanzo La Lunga Marcia (The Long Walk), opera che pubblicherà molti anni dopo.

Nel 1969 lavora per la rivista "The Maine Campus"; sempre in questo periodo conosce Tabitha Jane Spruce, poetessa, laureata in storia e sua futura sposa.

Nel 1970 si laurea, ma ha difficoltà a trovare lavoro. Per vivere fa il benzinaio e lavora in una lavanderia. Successivamente ottiene la cattedra di insegnante alla Hampden Accademy.

Dopo la nascita della figlia Naomi Rachel, King si trasferisce e inizia a scrivere L’uomo in fuga (The Running Man). Nel 1972 nasce un altro figlio, Joseph Hillstroom; da qui in poi seguono molti problemi, economici e di salute, legati al vizio dell’alcool.

Nel 1973 la situazione migliora. Un noto editore pubblica finalmente il romanzo Carrie, che ottiene un inaspettato successo. Finalmente King può dedicarsi a tempo pieno alla carriera di scrittore, abbandonando l’insegnamento.

Negli anni dal 1974 al 1977 pubblica Le notti di Salem (Salem’s Lot) e Shining (The Shining), con cui si afferma definitivamente presso il grande pubblico.

Nel 2007 viene premiato con il Mystery Writers of America Grand Master.

In questo periodo King, forse per paura della critica, decide di firmare alcuni suoi romanzi con lo pseudonimo di Richard Bachman. Queste opere verranno pubblicate direttamente in formato tascabile, ottenendo una scarsa diffusione. Tra i libri di Bachman ci sono sue opere giovanili come La lunga marcia e L’uomo in fuga. Quando alcuni anni dopo Bachman, morto per "cancro allo pseudonimo", venne "smascherato", King ripubblicò le opere con il suo nome vendendo un numero di copie dieci volte maggiore rispetto al passato.

king1.jpg
un immagine da un libro
authorphoto_rb.jpg
una vecchia foto
foto09.jpg
la sua casa (notate i vampiri sulle colonne)
mappa_territori.gif
la mappa delle citta’ dei racconti (inventate)

Bibliografia

Romanzi

Elenco completo